medico del lavoro

Decreto Lavoro 48/2023: le modifiche al D.lgs. 81/08

Benvenuti alla nostra guida completa sulle modifiche apportate al Decreto Legislativo 81/08 in materia di lavoro. In questo articolo, esploreremo dettagliatamente le recenti modifiche introdotte dal Decreto Lavoro 48/2023 e il loro impatto sulle normative esistenti. Da importanti aggiornamenti in materia di sicurezza sul lavoro a nuove disposizioni per i datori di lavoro, copriremo ogni aspetto chiave per garantire la comprensione completa di questo nuovo contesto normativo.

I Cambiamenti Principali

Il Decreto Lavoro 48/2023 ha apportato una serie di cambiamenti significativi al Decreto Legislativo 81/08.

Le modifiche apportate con il decreto lavoro al D.Lgs. 81/08 riguardano i seguenti articoli:

  • Art. 18, su “Obblighi del datore di lavoro e del dirigente”
  • Art. 21, su “Disposizioni relative ai componenti dell’impresa familiare di cui all’articolo 230-bis del Codice civile e ai lavoratori autonomi”
  • Art. 25, su “Obblighi del medico competente”
  • Art. 37, su “Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti”
  • Art. 71, su “Obblighi del datore di lavoro”
  • Art. 72, su “Obblighi dei noleggiatori e dei concedenti in uso”
  • Art. 73, su “Informazione, formazione e addestramento”
  • Art. 87, su “Sanzioni a carico del datore di lavoro, del dirigente, del noleggiatore e del concedente in uso”

Tra le modifiche più rilevanti, possiamo evidenziare:

1. Miglioramenti in Ambito di Sicurezza

Una delle principali priorità del Decreto Lavoro 48/2023 è stata l’ottimizzazione delle norme di sicurezza sul posto di lavoro. Sono state introdotte nuove linee guida per affrontare le sfide emergenti e garantire un ambiente lavorativo sicuro per tutti i dipendenti.

2. Semplificazione delle Procedure Amministrative

Il nuovo decreto mira a semplificare le procedure amministrative per le imprese. Ciò include una riduzione del carico burocratico per i datori di lavoro, consentendo loro di concentrarsi maggiormente sull’efficienza operativa e lo sviluppo del personale.

3. Maggiori Tutela per i Lavoratori

Il Decreto Lavoro 48/2023 rafforza le tutele per i lavoratori. Sono state introdotte nuove disposizioni per garantire salari equi, condizioni di lavoro dignitose e maggiori opportunità di sviluppo professionale.

Impatto sul Settore Industriale

Il settore industriale italiano sta già risentendo dell’impatto delle modifiche apportate dal Decreto Lavoro 48/2023. Le imprese stanno rivedendo le loro politiche interne per conformarsi alle nuove normative e assicurare la conformità alle disposizioni.

Prospettive Future

Guardando avanti, è essenziale che le imprese si adattino prontamente alle nuove regolamentazioni introdotte dal Decreto Lavoro 48/2023. Mantenere una conoscenza approfondita di queste modifiche è fondamentale per garantire il rispetto delle leggi e il benessere dei dipendenti.

Dettaglio dei cambiamenti relativi alla Sorveglianza Sanitaria

L’Articolo 18, comma 1, lettera A, è stato integrato in questo modo:

“I Datori di Lavoro e i Dirigenti devono: a) nominare il medico competente per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal presente decreto legislativo e qualora richiesto dalla valutazione dei rischi di cui all’articolo 28.”

La novità riguarda l’obbligo di nominare il Medico competente, non solo per i casi previsti dall’art. 41 del D.lgs. 81/08, ma anche qualora venga richiesto dalla valutazione dei rischi di cui all’art. 28.

Articolo 25, comma 1: modificato e integrato, con le nuove lettere e-bis e n-bis:

“Il medico competente:
e-bis) in occasione delle visite di assunzione, richiede al lavoratore la cartella sanitaria rilasciata dal precedente datore di lavoro e tiene conto del suo contenuto ai fini della formulazione del giudizio di idoneità; (…)
n-bis) in caso di impedimento per gravi e motivate ragioni, comunica per iscritto al datore di lavoro il nominativo di un sostituto, in possesso dei requisiti di cui all’articolo 38, per l’adempimento degli obblighi di legge durante il relativo intervallo temporale specificato.”

Viene introdotto un obbligo al Medico competente:

Richiedere al lavoratore la propria cartella sanitaria della precedente attività lavorativa… SCOPRI DI PIÙ

e concesso un diritto:

Nel caso in cui il medico competente fosse impossibilitato a svolgere personalmente alcune prestazioni inerenti il proprio servizio per malattia o per altri impedimenti oggettivi, può nominare un suo sostituto senza necessaria approvazione da parte del Datore di lavoro… SCOPRI DI PIÙ

Richiesta della cartella sanitaria della precedente attività lavorativa

L’articolo 25 del D.Lgs. 81/08 è stato emendato per includere un nuovo obbligo per il medico competente. Questo obbligo consiste nell’ottenere la cartella sanitaria dal lavoratore appena assunto, la quale era stata rilasciata dal datore di lavoro precedente. Questo passo è cruciale per formulare una valutazione accurata dell’idoneità del lavoratore alla sua posizione attuale. La richiesta della cartella sanitaria permette al medico competente di considerare il contenuto della cartella stessa durante la valutazione medica.

È importante sottolineare che questa modifica non è soggetta a sanzioni, ma rappresenta comunque un cambiamento significativo. Il medico competente deve ora richiedere al lavoratore la cartella sanitaria del suo impiego precedente e usarla come base per giudicare se il lavoratore è idoneo per il nuovo incarico.

Va ricordato che, in seguito alla conclusione di un rapporto di lavoro, il medico competente dell’azienda precedente è obbligato a fornire al lavoratore una copia della cartella sanitaria e di rischio, insieme alle informazioni necessarie per la conservazione della documentazione. L’originale della cartella sanitaria e di rischio è conservato dal datore di lavoro precedente per almeno dieci anni.

La richiesta della cartella sanitaria dal precedente datore di lavoro è un passo positivo verso una migliore tutela della salute dei lavoratori. Questo requisito garantisce che il medico competente disponga delle informazioni necessarie per valutare accuratamente l’idoneità del lavoratore per la sua posizione attuale. È un passo avanti per promuovere un ambiente di lavoro sano e sicuro.

È importante notare che l’obbligo del medico competente è limitato alla richiesta della cartella sanitaria. Nel caso in cui il lavoratore non sia in grado di fornire la cartella sanitaria o se questa non è reperibile, il medico può comunque procedere con la valutazione medica e formulare un giudizio sull’idoneità del lavoratore per il suo ruolo attuale. Questo dimostra la flessibilità dell’approccio, garantendo che la valutazione non venga interrotta da una documentazione mancante.

Nomina del medico sostituto del medico competente

L’aggiunta è, testualmente: “in caso di impedimento per gravi e motivate ragioni, comunica per iscritto al datore di lavoro il nominativo di un sostituto, in possesso dei requisiti di cui all’articolo 38, per l’adempimento degli obblighi di legge durante il relativo intervallo temporale specificato.”

Si cerca di regolamentare una situazione molto pratica e che si verifica ogni volta che il medico competente è in malattia o è in ferie: invece di “abbandonare” l’azienda il medico competente cerca e nomina il proprio sostituto.

La legge lascia comunque molti dubbi: quali sono le gravi e motivate ragioni? Per quanto tempo ci si può far sostituire? Il medico sostituto è responsabile solo per le scadenze relative al periodo di tempo segnalato nella nomina in sostituzione?

In attesa di precisazioni da parte del legislatore, useremo, come sempre, il buon senso e la diligenza “del Buon Dottore”!

Conclusione

In questa guida, abbiamo esaminato in dettaglio le modifiche chiave apportate al Decreto Legislativo 81/08 attraverso il Decreto Lavoro 48/2023. Le nuove disposizioni hanno un impatto significativo sul mondo del lavoro e richiedono un’adeguata comprensione da parte di datori di lavoro e lavoratori. Mantenere il passo con queste modifiche è essenziale per garantire il rispetto delle leggi e il progresso continuo nel settore lavorativo italiano.

MEDICOLAVORO.ORG è a disposizione di tutti i propri Clienti per ulteriori informazioni o delucidazioni. Contattate il vostro referente o il nostro ufficio oppure scrivete la vostra domanda nei commenti qui sotto e vi risponderemo prima possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca
Condividi